• parashanti108

SPIRITUALITA' E SOCIAL NETWORK: COSA HO VISTO NEI MIEI PRIMI 6 MESI SUI SOCIAL

Aggiornato il: 27 dic 2020




Ho visto cose che voi umani... 😂😂


Sono sui social solo da febbraio 2020. Non avrei mai pensato di fare quello che oggi faccio e nel modo in cui lo faccio. E non potrò mai ringraziare abbastanza. La vita può letteralmente cambiare da un secondo all'altro ed è una grazia impossibile da comprendere anche per chi vive in prima persona certi cambiamenti.


Devo dire che ho avuto modo di conoscere persone straordinarie, in vari campi, che mai avrei potuto conoscere senza questi mezzi. Nessuno strumento è giusto o sbagliato, dipende dall'uso che ne facciamo.


Tuttavia mi avevano parlato del clima che si respirava, ma si sa che non puoi conoscere una cosa finché non ne fai esperienza. E devo dire che sono piuttosto esterrefatto dai commenti e dalle reazioni di molte persone in questi mesi.


Probabilmente c'è molta rabbia e/o frustrazione repressa per svariati motivi e forse anche il lockdown ha destabilizzato, non so quali altre spiegazioni ci possano essere. C'è una spasmodica tendenza ad incasellare a tutti i costi la persona che si ha di fronte per inserirla in categorie mentali, oltre al facile giudizio o addirittura insulto. Ma la cosa ancor più incredibile è l'arroganza con cui si parla e si giudica.


Quando mai riusciremo ad andare oltre alla persona che scrive e guardare alle parole e ai messaggi che esprime piuttosto? È giusto contestare e non condividere se non siamo d'accordo, ma di nuovo dipende dal modo in cui ci si comporta, dal modo in cui si usano le parole.


E tutto questo sarebbe anche "normale" se non fosse che interagisco principalmente, sia per motivi personali che professionali, con persone e gruppi "spirituali" che quindi dovrebbero avere un po' di consapevolezza in più, teoricamente.


Essere spirituali, anzi essere umani non vuol dire anche accogliere con rispetto e senza troppa malizia quello che una persona dice, e poter anche dissentire, sempre con rispetto?


Discutere non tanto per convincere o avere ragione, ma affinché le parole possano essere d'aiuto e spunto di riflessione non solo a chi scrive ma anche a chi legge dato che siamo in pubblico?


Gli insegnamenti che ci vengono tramandati da più di 5000 anni servono forse per creare questo clima fra persone che si considerano consapevoli?


Sembra che la rabbia e l'arroganza accechino e la facciano da padroni, specialmente fra molti di quelli che si dicono spirituali.


Basterebbe che scrivessimo con un po' più di consapevolezza, valutando se quanto diciamo può essere d'aiuto (magari anche a qualcun altro), prendendo ciò che di buono vediamo nelle parole altrui e ignorando quello che pensiamo non ci sia d'aiuto.


Certo non è facile, questo richiede di mettere da parte l'ipocrisia e svolgere un incessante lavoro su di sé, ma è possibile.


Se chi è poco o per nulla spirituale si dimostra più umile e rispettoso nelle discussioni, c'è da preoccuparsi.


Altro che Età dell'oro, Nuova Era, pace nel mondo, evoluzione o spiritualità. Cerchiamo invece di migliorare nell'ABC.


Ovviamente ognuno è libero di riflettere o di continuare a porsi come preferisce. O anche di mandarmi a f... se può aiutarlo/a a stare meglio 😄


Ma in quest'ultimo caso magari scrivetemi in privato così evitiamo di rendere partecipe anche chi vuole semplicemente... leggere.


Perché le parole che si usano, come ogni altra cosa, hanno un'energia. E l'arroganza è uno dei più grandi ostacoli in qualsiasi tipo di cammino, spirituale e non. Per guardare tutti i VIDEO clicca qui: https://www.youtube.com/c/Parashanti


Per restare sempre aggiornato visita il mio profilo facebook https://www.facebook.com/tommaso.parise.777


Se vuoi ricreare Pace ed Equilibrio in modo efficace e duraturo o se vuoi dare un'accelerata alla tua evoluzione fino a toccare con mano la Beatitudine, visita il sito www.parashanti.com e candidati ad una sessione strategica gratuita di 30 minuti per verificare se possiamo cominciare a lavorare assieme.

Buona vita!

0 commenti