• parashanti108

RISVEGLIO DELLA KUNDALINI: L'IMPORTANZA DI COSTRUIRE LE FONDAMENTA



A più riprese cerco di far capire l’importanza di costruire le fondamenta prima di fare qualsiasi altra cosa nel cammino di evoluzione spirituale, ovvero calmare la mente e creare un solido equilibrio interiore. Il che significa, di riflesso, almeno un buon grado di non-identificazione con pensieri, emozioni, circostanze esterne, ecc.

Ed è esattamente su questo che vertono i miei percorsi "base", che tanto base non sono.


A tutti coloro che mi scrivono e chiedono di/vogliono lavorare subito con Kundalini, e magari se ne vanno stizziti quando dico che le cose stanno diversamente da come loro se le immaginano, ricordo un dettaglio molto importante.

E’ come se provassimo a spingere verso l’alto una grande quantità di energia attraverso dei tubi intasati e stretti: molto difficile, molto poco efficiente e potenzialmente pericoloso.


Nel caso in cui qualcuno abbia la brillante idea di forzarne il risveglio, può ritrovarsi con una casa senza fondamenta cioè un sistema nervoso, e più in generale un organismo, che non è sufficientemente pronto, purificato, stabile.

Motivo per cui bisogna preparare il terreno. E le pratiche servono proprio a questo. Le pratiche non possono donare stati di coscienza o l’illuminazione, bensì preparano il sistema nervoso e più in generale l’intero organismo ad essere accolto alla Festa.


Le nadi, cioè i canali energetici che attraversano il nostro sistema corpo-mente-spirito, vengono purificate e aperte. All’inizio si può dire che un canale energetico coincide con un determinato nervo fisico, ma con il tempo tale canale energetico si espande. Non potrebbe essere altrimenti visto che l’energia è il substrato che rende possibile la manifestazione fisica/materica.


Io faccio spesso l’esempio del contatore della corrente elettrica di casa. Ci può essere un flusso di 10 kW che scorre, ma se il contatore è di 3,5 kW, è inutile discutere. Semplicemente “Nun se po’ fà!”


Bisogna forse cambiare elettrodomestici? Dare il colore alle mura di casa? Comprare altri mobili? Sforzarsi di vedere luci magiche? Pensare positivo? (Metafora che vuole essere una simpatica frecciatina alle tante proposte in campo olistico)

No, bisogna fare l’upgrade del contatore. Non è una cosa “saggia” da fare. E’ semplicemente l’unica cosa che permette di accogliere più corrente. Tutto qui. Upgrade che può donare come naturali effetti collaterali molti dei miglioramenti che si ricercano altrove, spesso senza successo.


L’Infinita Coscienza Estatica è quel flusso di energia sempre disponibile, sempre presente. A causa dello sporco accumulato (ignoranza), i canali sono ostruiti da ogni tipo di tossine, stress, impressioni latenti, ecc. e per questo una persona media non può sentire tale meraviglia.


Tu sei il contatore. Il “tu” è inteso come sistema corpo-mente-spirito, non come persona, né come chissà quale forma di essere proveniente da altre galassie, né come qualcuno che deve migliorare delle abilità di qualche tipo.

Un ammasso di energia senza nome e senza forma, se così si rende meglio l’idea.


Ecco perché non ha molto senso ricorrere a chissà quali strumenti esotici, bensì a ciò che consente di agire direttamente su tale ammasso di energia, al fine di renderla sempre più aperta ad accogliere il flusso incessante di Coscienza e Beatitudine. Così aperta da non vedere più alcuna linea di distinzione. Così aperta da non vedere più il contatore come contatore. E riconoscere che anche quello che sembrava essere un contatore è fatto dell’energia che scorre attraverso di esso. E' quella stessa energia estatica che si esprime in ogni cosa.


Il grande santo e grande devoto Ramakrishna disse che l’estasi divina è come innumerevoli organi genitali in continuo orgasmo in ogni atomo e poro del nostro corpo.


Per chi adopera strumenti volti a costruire le fondamenta e successivamente incontra la Beatitudine per Grazia divina, come è successo anche ad alcune anime che lavorano con me, di fatto sta espandendo gradualmente la sua capacità cellulare, atomica, alla risposta orgasmica.


Se coltivi il silenzio fino a che è stabile, perpetuo, allora il lavoro della Kundalini sarà estremamente più facile e fluido. E quindi possiamo valutare se "dare qualche spintarella", andando ad agire più direttamente. Se fai il contrario tentando di forzarne il risveglio con modi che non dipendono dalla Grazia, ti faccio i miei migliori auguri e ti ricordo che... “Te l’avevo detto” 🙂



Per guardare tutti i VIDEO clicca qui: https://www.youtube.com/c/Parashanti


Per restare sempre aggiornato visita il mio profilo facebook https://www.facebook.com/tommaso.parise.777


Se vuoi ricreare Pace ed Equilibrio in modo efficace e duraturo o se vuoi dare un'accelerata alla tua evoluzione fino a toccare con mano la Beatitudine, visita il sito www.parashanti.com e candidati ad un incontro conoscitivo gratuito di 30 minuti per verificare se possiamo cominciare a lavorare assieme.


Buona vita!

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti