• parashanti108

COME AUMENTARE LA FORZA DI VOLONTA'




Nel nostro cervello c’è una parte specifica chiamata corteccia prefrontale, la quale ci permette di fare le cose più difficili. E’ la stessa parte che viene letteralmente spenta quando ci troviamo di fronte ad una situazione di stress e non siamo presenti, consapevoli: in quel caso si innesca il meccanismo di "fight or flight", combatti o fuggi.


Per dirla in termini più pratici, la corteccia prefrontale ci permette di non fare qualcosa anche se può essere piacevole e viceversa di fare qualcosa anche se è noioso: potremmo dire che è la fonte della nostra forza di volontà. Se la usiamo, possiamo riconfigurare la nostra mente.


Alcuni studi hanno mostrato che la forza di volontà è un muscolo. Quindi come qualsiasi altro muscolo può essere allenato, ma può anche affaticarsi e indebolirsi se usata in modo inconsapevole. Un po’ come fare le flessioni. Dopo 10-20 flessioni diventa più faticoso e arriva il momento in cui molli, dicendo "Basta!".


E’ stato fatto uno studio molto interessante con 2 gruppi di studenti.

Il primo gruppo veniva mandato per 20 minuti in una stanza dove c’era un profumo di biscotti molto invitante, accanto a delle verdure, ed è stato detto loro che non potevano mangiare i biscotti. Attenzione: non è stato detto loro di non mangiarli perché dovevano testare la loro forza di volontà. Ma solo che non potevano mangiarli. I ricercatori ovviamente osservavano alla finestra cosa succedeva. Gli studenti magari prendevano i biscotti o li annusavano, ma non li hanno mangiati. Si sono sforzati di non mangiarli, di non fare un’azione anche se era una cosa piacevole, quindi hanno esercitato la loro forza di volontà, anche se in modo inconsapevole.


Il secondo gruppo di studenti è stato portato in un’altra stanza dove non hanno detto loro di non mangiare i biscotti, anzi hanno detto di mangiarne quanti ne volessero.


In seguito, entrambi questi gruppi hanno affrontato un test: risolvere un puzzle che però aveva una particolarità: non poteva essere risolto.


In media, gli studenti del primo gruppo hanno gettato la spugna dopo 7 minuti. Gli studenti del secondo gruppo invece dopo 20 minuti. Il triplo!


I ricercatori hanno constatato che gli studenti del primo gruppo avevano consumato parte della loro forza di volontà nella stanza dei biscotti, sforzandosi di non mangiarli. Ed ecco perché ne avevano meno per il test del puzzle.


La chiave è la consapevolezza. Se ti sforzi di fare qualcosa in modo consapevole c’è un beneficio. Se invece lo fai in modo non consapevole allora può persino essere controproducente.


Se ci pensi bene, questo ha una grande rilevanza e delle importanti conseguenze nelle nostre vite. Quando ci svegliamo al mattino infatti, la nostra forza di volontà è ai massimi livelli. Però poi durante la giornata, nel traffico ad esempio, la mente comincia ad agitarsi e ti infastidisci, non vuoi che sia così agitata, oppure facendo la fila al supermercato vorresti che le persone si sbrigassero e ti spazientisci, o avendo a che fare con un capo stressante ti sforzi di contenerti, e quindi la forza di volontà viene usata molto, ma soprattutto in modo inconsapevole.

Il risultato è che si affatica come ogni muscolo e, quando è sera, la tua forza di volontà è ai livelli minimi. Questo forse è uno dei motivi perché rientrando a casa, complice anche la stanchezza, si litiga più facilmente. Non c’è più la capacità di controllarsi o di tollerare il comportamento dell’altro e di vedere le cose per quello che sono.


La buona notizia è che, come tutti i muscoli, anche questo può essere allenato e rinforzato!

La tua forza di volontà, il tuo autocontrollo, possono essere allenati e migliorati!


Il cervello funziona così. Quanto più tu fai una cosa consapevolmente, tanto più diventi bravo. Se dedichi ad esempio 1 ora al giorno al gioco degli scacchi, la porzione del cervello dedicata a quel tipo di attività strategica viene impegnata, stimolata, allenata e quindi con il tempo diventi più bravo a giocare a scacchi. L’energia, l’intelligenza, la materia grigia viene accumulata in quell’area, che cresce fisicamente, in modo che risulti più facile per te giocare a scacchi. E questi stessi studi hanno mostrato che se non alleni più quell’area, a distanza di tempo la materia grigia si ritrae, ritorna alle sue dimensioni originarie.


Quindi anche la forza di volontà può essere migliorata se viene praticata.

Questa è una conclusione molto importante. Significa che più pratichi l’autocontrollo, più diventi bravo a farlo, è semplice. Ogni volta che non cedi ad una distrazione in modo consapevole cioè hai ben chiaro perché ti stai impegnando a non cedere, diventa sempre più facile farlo.


Facciamo un esempio concreto: ti arriva la voglia di un dolce o la necessità di grattarti.

Prova a reagire in modo diverso e a dirti in modo consapevole “Ok, noto che c’è lo stimolo, ma mi impegno a non mangiare il dolce o a non grattarmi” e rimani ad osservare la tua mente. Così facendo la tua corteccia prefrontale diventa più forte e la tua forza di volontà aumentata in quell’area può essere usata in QUALSIASI area della tua vita!


Ora...qual è un modo molto efficace per aumentare la tua forza di volontà?

Beh, una delle tecniche più potenti per sviluppare l’autocontrollo è sicuramente la Meditazione!


Per chi fosse ancora convinto che una cosa vale l’altra o per chi non ne fosse a conoscenza, è bene tener presente che esiste meditazione e pseudomeditazione cioè meditazione solo di nome, ma non di fatto. Per pseudomeditazione intendo tutte quelle modalità di rilassarsi o sentirsi meglio come le meditazioni guidate di qualsiasi genere, le musiche piacevoli, le visualizzazioni di vario tipo, ecc.


Tutto questo non è meditazione perché non ha un’energia alle spalle che permette di agire in profondità, non conduce facilmente oltre il pensiero e non consente di trasformare la radice di pensieri ed emozioni. Sicuramente è meglio fare quello che guardare la tv, ma se vuoi davvero meditare, servono tecniche autentiche basate su sistemi millenari che oltre ad avere risultati comprovati, hanno appunto un’energia che quindi riesce a cambiare quelle che in sanscrito vengono chiamate Vasana e Samskara cioè i condizionamenti latenti che ti forzano a pensare, agire e reagire in un determinato modo, anche quando non vorresti.


Non si può pensare che i grandi saggi del passato abbiano raggiunto pace e beatitudine perchè si mettevano gli auricolari e ascoltavano delle meditazioni guidate o perché visualizzavano colori, chakra o chissà cos’altro.

Smettiamo di credere che deve essere la meditazione ad adattarsi a noi occidentali perché non abbiamo le menti adatte e quindi non siamo portati.

La mente ha sempre funzionato allo stesso modo, non ci sono scuse. La verità è che la maggior parte delle persone è pigra e non vuole impegnarsi a realizzare quello che dice di volere. Quindi si preferisce ricorrere a soluzioni improvvisate salvo poi lamentarsi perché non si vedono grandi cambiamenti anche a distanza di anni.


Nel percorso Trova il tuo Equilibrio interiore in 5 settimane, una parte è dedicata proprio ad insegnarti un'autentica tecnica di meditazione, e per fare questo non bastano alcuni minuti o delle semplici istruzioni.

Ecco perché ad esempio Maria Pia quando ha imparato questa tecnica mi ha detto “Sai che anni fa ero stata in un centro di meditazione in Toscana dove ci dicevano di ripetere questo mantra, ma non nel modo che mi hai insegnato tu e senza tutte le spiegazioni, i chiarimenti e gli accorgimenti che mi hai trasmesso. Ora capisco perché non vedevo risultati e perché invece adesso in pochi giorni mi sento piena di pace, sono super concentrata sul mio lavoro e sorrido spontaneamente”.


Ora forse ti chiederai “Perché la vera meditazione permette di migliorare la forza di volontà” ? Durante il tuo “sforzo” (tecnicamente non c’è sforzo nella meditazione, ma tanto per capirsi) vengono stimolate tutte le qualità della forza di volontà cioè il volere, il non volere, e il poter fare, che è la forza di volontà applicata all’azione.

Questo perché in meditazione sei consapevole di ciò che stai facendo, di ciò che devi fare. Poi c’è anche la distrazione, perché arrivano naturalmente dei pensieri e la tua mente cerca in tutti i modi di seguire questi pensieri o al contrario di combatterli. E infine c’è la consapevolezza, la tua forza interiore, la tua Luce che ti ricorda e ti dice “No, lascia perdere quei pensieri, ritorna qui”. Quindi le eserciti tutte e 3!


Ecco perché è il metodo più efficace che ti permette di migliorare il tuo autocontrollo e la tua forza di volontà. E non importa se oggi la tua meditazione non è bella come il solito, se ci sono molte distrazioni, perché il tuo “sforzo”, la tua volontà di meditare è già di per sé un esercizio di disciplina. Quindi anche se alcune volte non c’è una meditazione piacevole come vorresti, ti stai allenando e stai coltivando risultati che nel lungo periodo ti lasceranno a bocca aperta.


La felicità, l’appagamento, la disciplina, la saggezza, la compassione, ogni singola grande virtù non accade da un giorno all’altro, non la trovi in un cespuglio, ma la generi giorno dopo giorno con la tua pratica fino a quando ti guardi indietro e rimani senza parole.


Molti studi hanno dimostrato che la pratica costante di una buona tecnica di meditazione è in grado di cambiare la configurazione del tuo cervello.

Quello che serve è la tua forza di volontà per creare un’abitudine benefica, salutare, e quando il comportamento di trasforma in abitudine, allora diventa naturale, automatico.


All’inizio può essere difficile, ogni cosa nuova è difficile. E’ come quando devi mettere in moto l’auto: ti serve molto carburante nell’accensione. Quindi all’inizio cerca di sforzarti in modo consapevole per sviluppare la forza di volontà. E continua a farlo finchè diventa un’abitudine.


Noterai anche tu come tutte le persone che hanno lavorato assieme a me che la qualità della tua vita è migliorata drasticamente di pari passo con la tua abilità di lavorare su di te.

Questo significa ad esempio sperimentare una pace profonda, una serenità immotivata, un equilibrio spiazzante anche di fronte a situazioni difficili.


O, se avviene un’apertura del cuore, persino sensazioni mai provate prima nella tua vita così meravigliose che ti chiederai se è vero o se stai sognando, come è successo anche l’altro giorno ad una mia cliente che ha iniziato a svolgere un lavoro avanzato dopo aver terminato il percorso di 5 settimane.



Per guardare tutti i VIDEO clicca qui: https://www.youtube.com/c/Parashanti


Per restare sempre aggiornato visita il mio profilo facebook https://www.facebook.com/tommaso.parise.777


Se vuoi ricreare Pace ed Equilibrio in modo efficace e duraturo o se vuoi dare un'accelerata alla tua evoluzione fino a toccare con mano la Beatitudine, visita il sito www.parashanti.com e candidati ad una sessione strategica gratuita di 30 minuti per verificare se possiamo cominciare a lavorare assieme.

Buona vita!

0 commenti